ITA  EN

Nokia 3310: effetto nostalgia, ma il rischio flop è nell’aria

Osservatori.net
Evento
Mirandola Comunicazione

Condividi i tuoi feedback


Nokia 3310: effetto nostalgia, ma il rischio flop è nell’aria

Commento di Marta Valsecchi, Direttore dell'Osservatorio Mobile B2c Strategy del Politecnico di Milano


Milano, 26 febbraio 2017 - Negli ultimi giorni si è parlato molto dell'atteso lancio, da parte di Nokia, di un nuovo feature phone brandizzato Nokia 3310. Sarà un restyling del famoso modello lanciato da Nokia nel 2000, uno dei telefoni più venduti nell'epoca pre-smartphone.

Un'operazione nostalgia, dunque, che però ha, a mio avviso, ben poche probabilità di successo. Certo, potrebbe catturare una nicchia di persone che continuano a preferire il cellulare per chiamare e mandare sms, invece che per navigare in Internet, usare i social, le chat e le applicazioni. Ma si tratta di una nicchia appunto. Chi utilizzava negli anni 2000 il Nokia 3310 e oggi ha in mano uno smartphone ha la chiara percezione del salto abissale che il mercato della telefonia mobile ha fatto negli ultimi 10 anni e non ha certo intenzione di rinunciare alla user experience attuale, nonostante rimpianga la durata delle batterie dei vecchi telefonini.

Molte perplessità sono anche legate all'assenza di uno schermo touch che ormai è diventato uno standard de facto e che ha consentito di avvicinare ad Internet anche utenti che non si erano mai collegati attraverso un Pc e usando un mouse. Da ultimo il pricing: se i rumors che parlano di 59 euro fossero veri, staremmo parlando di una cifra quasi paragonabile a quella degli Smartphone di fascia più bassa.

Per fare un paragone uscendo dall'ambito della telefonia, sarebbe stato come riproporre sul mercato la Fiat 500 con caratteristiche tecniche e di design molto simili alla vettura originaria, senza invece adattarsi ai nuovi standard di mercato. Penso quindi che il Nokia 3310 - stando ai rumors attuali - farà parlare di sè più sulla stampa, che tra i consumatori.

***


 

Ufficio stampa School of Management del Politecnico di Milano
Barbara Balabio

Tel.: 02 2399 9578
email barbara.balabio@osservatori.net
Skype barbara.balabio

www.osservatori.net

 

 

 

Ufficio stampa Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano
Mirandola Comunicazione

Marco Ferrario - Daniele Gatti
marco.ferrario@mirandola.net
daniele.gatti@mirandola.net
Tel.: 0524/574708 - 320/7910162 393/8108869

Skype: marco.ferrario3 - daniele.gatti_1

 

La School of Management del Politecnico di Milano, costituita nel 2003, accoglie le molteplici attività di ricerca, formazione e alta consulenza, nel campo dell’economia, del management e dell’industrial engineering, che il Politecnico porta avanti attraverso le sue diverse strutture interne e consortili. La Scuola ha ricevuto nel 2007 il prestigioso accreditamento EQUIS. Dal 2009 è nella classifica del Financial Times delle migliori Business School d’Europa. Nel Marzo 2013 ha ottenuto il prestigioso accreditamento internazionale da AMBA per i programmi MBA e Executive MBA. Dal 2014, la Scuola è membro di UniCON, PRME e Cladea. La Scuola può contare su un corpo docente di più di duecento tra professori, ricercatori, tutor e staff e ogni anno vede oltre seicento matricole entrare nel programma undergraduate. Fanno parte della Scuola: il Dipartimento di Ingegneria Gestionale e MIP Graduate School of Business che, in particolare, si focalizza sulla formazione executive e sui programmi Master.
Gli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano (www.osservatori.net) nascono nel 1999 con l’obiettivo di fare cultura in tutti i principali ambiti di Innovazione Digitale per favorire lo sviluppo del Paese. La Vision che guida gli Osservatori è che l’Innovazione Digitale sia un fattore essenziale per lo sviluppo del Paese. La Mission degli Osservatori è produrre e diffondere conoscenza sulle opportunità e gli impatti che le tecnologie digitali hanno su imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini, tramite modelli interpretativi basati su solide evidenze empiriche e spazi di confronto indipendenti, pre-competitivi e duraturi nel tempo, che aggregano la domanda e l’offerta di innovazione digitale in Italia. Gli Osservatori sono oggi un punto di riferimento qualificato sull’innovazione digitale in Italia che integra attività di Ricerca, Comunicazione, Formazione e una Community sempre più ampia di professionisti. Gli Osservatori sono ormai molteplici e affrontano in particolare tutte le tematiche più innovative: Agenda Digitale, Big Data Analytics & Business Intelligence, Cloud & ICT as a Service, Cloud nella PA, Contract Logistics, Digital Finance, Digital Transformation Academy, Digital Insurance, eCommerce B2c, eGovernment, Enterprise Application Governance, Export, Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione, Gestione Progettazione e PLM (GeCo), Gioco Online, HR Innovation Practice, Hubility/Multicanalità, Industria 4.0, Information Security & Privacy, Innovazione Digitale in Sanità, Innovazione Digitale nel Retail, Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali, Innovazione Digitale nel Turismo, Internet Media, Internet of Things, Mobile B2c Strategy, Mobile Banking, Mobile Payment & Commerce, Professionisti e Innovazione Digitale, Smart Agrifood, Smart Working, Startup Hi-tech, Startup Intelligence, Supply Chain Finance.


pubblicato il 26/02/2017

Immagini
Settori

Comunicazione, Commercio, Tecnologia;

iPress s.r.l. | Telefono: +39 0524 57 12 73 | Partita IVA e Codice fiscale: IT02565630346 | email: info@ipresslive.com | website: www.ipresslive.com | PEC: amministrazione@pec.ipresslive.it | Cap. Soc. €10.000,00 i.v. | R.E.A. n. PR 248741 | Cookie & Privacy Policy