Le Verifiche 2.0

Le Verifiche 2.0

Le Verifiche 2.0 : una riflessione
sull'arte del fotografare

 

Dal 16 al 24 settembre, all'interno del Milano Photofestival,,
il lavoro di Guido Bartoli ispirato a Verifiche di Ugo Mulas 

Vi aspettiamo il 16 settembre alle ore 16 nella Chiesetta di San Carlo alle Rottole per l'inaugurazione della mostra 

 

(Milano - 11 settembre 2023)La Chiesetta di San Carlo alle Rottole, in via Palmanova 18 a Milano, è pronta ad ospitare Le Verifiche 2.0 di Guido Bartoli. La mostra, inserita nel calendario del Milano Photofestival, la rassegna milanese di fotografia, sarà inaugurata sabato 16 settembre alle 16 e rimarrà aperta fino al 24 settembre. 

Il lavoro di Guido Bartoli, curato da Paola Sammartano, è ispirato aVerifiche” di Ugo Mulas, opere concettuali che rappresentano un’importante riflessione sul ruolo del fotografo, sui materiali e sulle tecnologie. Mentre Mulas crea nell’epoca della fotografia analogica, Guido Bartoli ripete il procedimento di analisi utilizzando la fotografia digitale e quindi adattando le verifiche alla nuova realtà della comunicazione.

Sono quattro le sezioni in cui si dividono Le verifiche 2.0: Il procedimento digitale, I materiali del linguaggio, L’importanza degli strumenti, La postproduzione. La prima parte indaga le caratteristiche del procedimento digitale e la diversità con quello fotochimico, mentre la seconda l’influenza che esso ha sull’estetica dell’immagine. La terza il cambiamento indotto dalle nuove tecnologie e l’ultima la potenza della postproduzione e le sue possibilità.

Questa riflessione porta ad interrogarsi, oltre che sulla grande evoluzione tecnologica di questi anni, sulla pervasività delle immagini nella nostra società. Oggi assistiamo all'uso di tecnologie sempre più potenti che possono diventare un'arma nelle mani di pochi, saturando i canali dell’informazione e condizionando la vita delle persone.

Già Mulas alla fine degli anni ’60 nelle sue Verifiche, citando Robert Frank, mette in luce il problema, riportando la frase secondo cui “l’aria è infetta per la ‘puzza’ di fotografia”. Se in quegli anni l’argomento veniva già discusso ed era attuale, queste parole oggi hanno ancora più valore, dato che si scattano miliardi foto all’anno.
Altro tema è quello della robotizzazione del processo creativo, per cui macchine sempre più sofisticate migliorano o creano da zero le immagini, a scapito dell’originalità e con l’effetto di una omologazione estetica.

L’immagine, Foto non fatta, Bartoli la dedica proprio a Ugo Mulas in ricordo della sua omonima Verifica. Come già Mulas, Bartoli esorta ad uno stop: "E' necessario prendersi una pausa, un'occasione per ritornare a vedere la realtà con i propri occhi. Per fare una fotografia, anche digitale, sono necessari la luce e un fotografo, non una macchina, anche se molto sofisticata" - conclude il fotografo Guido Bartoli. In occasione dell’inaugurazione della mostra, curata da Paola Sammartano, viene anche presentato il libro Le verifiche 2.0, disponibile in edizione limitata.



***

Informazioni organizzative

Inaugurazione: 16 settembre h16
Durata della mostra: 16 - 24 settembre, h 15-19
Ingresso gratuito
Chiesa San Carlo alle Rottole, via Palmanova, 20 (MI)
Come raggiungerci: linea metro M2 - fermata Udine; linea bus 53; 62

 

Guido Bartoli

Fotografo, stampatore fine-art, docente di fotografia, giornalista specializzato.
Affianca scatti di lavoro a immagini fatte per il puro piacere estetico. Inizia nell’era dei negativi e delle diapositive, delle pellicole in bianco e nero sviluppate e stampate in proprio. All’avvento del digitale e della conseguente rivoluzione tecnologica, passa per lavoro ad occuparsi delle nuove tecnologie e diventa esperto nella gestione del colore. Si dedica alla stampa giclée, prima per creare le immagini per le sue mostre e poi per stampare immagini per conto terzi.

www.gbfineart.it
info@gbfineart.it

Accredito stampa e come raggiungere l'evento

  16/09/2023 - 24/09/2023
  16:00 - 18:00
  Via Palmanova, 20, Milano
Sign in
Save to calendar

Le Verifiche 2.0

News evento