ITA  EN

LE STARTUP IN CUI ABBIAMO INVESTITO DA FEBBRAIO 2020

CDP Fondo Nazionale Innovazione
Evento
Mirandola Comunicazione

Condividi i tuoi feedback

LE STARTUP IN CUI ABBIAMO INVESTITO DA FEBBRAIO 2020



Sweetguest (Italia Venture I)

Sweetguest è una startup innovativa che offre servizi di gestione degli immobili a 360 gradi per la “messa a reddito” attraverso gli affitti brevi utilizzando due modelli: Revenue share (gestione degli affitti per conto di proprietari) e Rent-to-rent (gestione di interi palazzi presi in affitto e poi subaffittati). La società in pochi anni è diventata leader in Italia nel property management, guadagnando forte credibilità e visibilità sul mercato Real Estate Italiano.

Nel 2019 Sweetguest ha generato gross booking value per 12,6 milioni di euro e ricavi netti per 4,4 milioni di euro (+80% rispetto al 2018), incrementando il numero degli appartamenti in gestione a oltre 1000 totali (al 31/12/2019).

Il Fondo “Italia Venture 1”, già azionista della società al 7%, nel 2020 ha supportato Sweetguest nell’affrontare la crisi di liquidità provocata dall’emergenza COVID-19 partecipando insieme ad altri soci investitori della società in un round di complessivi €2Mln.

sweetguest.com/

  

Echolight (Fondo Italia Venture I) 

Echolight è una startup del settore “MedTech” che ha industrializzato EchoS, la prima soluzione non invasiva per la valutazione della resistenza ossea e la diagnosi precoce dell’osteoporosi.

PMI innovativa, spin-off del CNR di Lecce, fondata da un team dalla solida esperienza nel campo della densitometria ossea a ultrasuoni, Ecolight ha sviluppato una soluzione priva di radiazioni, portatile e a basso costo, con una tecnologia che potrebbe portare al superamento dell’attuale gold standard, l’esame diagnostico basato sui raggi X.

Dal 2016 la società ha ottenuto la certificazione in più di 20 Paesi, il FDA approval negli Stati Uniti; il brevetto in UE, USA, Corea del Sud e Cina e ha completato lo studio multicentrico su più di 10 mila pazienti, dimostrando l’equivalenza del prodotto con la tecnica gold standard. La società vende i propri dispositivi in UE, America Latina e Asia.

Il Fondo “Italia Venture 1”, già azionista dal 2016 al 9% della società, nel 2020 ha partecipato nel round di complessivi €5Mln con altri soci investitori della società con l’obiettivo di supportare ulteriore validazione clinica del prodotto all’estero e la propria commercializzazione negli Stati Uniti.

echolight.it

  

Sardex (Fondo Italia Venture I) 

Sardex è una PMI innovativa del settore FinTech che ha sviluppato il primo circuito di credito commerciale in cui le imprese, attraverso l’utilizzo di una moneta digitale complementare, hanno la possibilità di finanziarsi reciprocamente a tasso zero e, così facendo, contribuire alla crescita dell’economia locale.

La società, fondata nel 2010 in Sardegna, a Serramanna (CA), opera direttamente anche in Liguria e Marche e, a seguito di alcune acquisizioni completate recentemente, in Piemonte, Emilia-Romagna e in Veneto; detiene, inoltre, partecipazioni minoritarie in circuiti gemelli in Lombardia, Valle d’Aosta e Abruzzo.

La piattaforma Sardex registra più di 100 milioni di euro di transato, ha più di 6.000 iscritti in costante crescita (+ 45% da gennaio) e ha dimostrato resilienza anche successivamente all’emergenza COVID-19 (+ 68% da aprile 2020 in termini di nuovi sottoscrittori e +38% di fatturato).

Il Fondo “Italia Venture I”, già azionista dal 2016 della società, nel 2020 ha guidato un round di investimento su più tranche di complessivi 3,8Milioni di euro insieme a Primomiglio e Fondazione di Sardegna con l’obiettivo di continuare a supportare la Società nella sua crescita. L’operazione si inserisce nel contesto di un nuovo piano strategico, promosso dagli investitori nel round. Il piano si focalizza sull’accelerazione della crescita del circuito fuori dalla Sardegna, nell’intero territorio nazionale e sul rafforzamento della piattaforma tecnologica. Inoltre, Sardex ha visto concretizzarsi il rafforzamento del management team con l’inserimento di Marco de Guzzis come nuovo CEO.

sardex.net

 

Restorative Neurotechnologies (Fondo Italia Venture II)

Restorative Neurotechnologies è una startup del settore “MedTech” che ha sviluppato Mindlenses Professional, una piattaforma digitale basata su dispositivi indossabili ed esercizi riabilitativi in grado di potenziare la plasticità cerebrale del paziente con metodi non invasivi e innovativi.

La società, con sede a Palermo, è stata fondata nel 2018 da Massimiliano Olivieri, neuroscienziato e professore ordinario di neuroscienze cognitive all’Università di Palermo con oltre 20 anni di esperienza e ricerca nel campo della neuromodulazione.

Mindlenses si contraddistingue rispetto alle terapie tradizionali per una maggiore efficacia dei risultati e per la continuità del trattamento per la riabilitazione cognitiva di pazienti che sopravvivono ad Ictus, colpiti da Alzheimer, che soffrono di disturbi dell’attenzione o dislessia.

Da dicembre 2018, Restorative Neurotech è stata selezionata dal percorso di accelerazione di Social Fare Seed ricevendo un pre-seed round di 110 mila euro. Nell’ambito di un «Seed Round» di circa 1 milione di euro a supporto della Target, la struttura dell’operazione prevede l’ingresso del Fondo Italia Venture II attraverso la sottoscrizione di un aumento di capitale di 600 mila euro, a supporto del percorso di sviluppo della Società in co-investimento con altri importanti attori del settore.

restorativeneurotechnologies.com/

 

 

 

23 giugno 2020


pubblicato il 23/06/2020

Settori

Commercio, Comunicazione, Cronaca, Cultura, Economia e finanza, Lavoro, Politica, Società, Tecnologia;

iPress s.r.l. | Telefono: +39 0524 57 12 73 | Partita IVA e Codice fiscale: IT02565630346 | email: info@ipresslive.com | website: www.ipresslive.com | PEC: amministrazione@pec.ipresslive.it | Cap. Soc. €10.000,00 i.v. | REA: MI-2038021 | Cookie & Privacy Policy