ITA  EN

Il Cloud è l'abilitatore delle tecnologie di frontiera anche per le piccole e medie imprese

WESTPOLE
Evento
Mirandola Comunicazione

Condividi i tuoi feedback

Il Cloud è l'abilitatore delle tecnologie di frontiera anche per le piccole e medie imprese

commento e best case a cura di Massimo Moggi - CEO & Presidente WESTPOLE / Professional Affiliate Scuola Superiore S.Anna di Pisa

 É facile immaginare che le necessarie misure di contenimento adottate negli ultimi giorni porteranno a un contraccolpo sotto forma di un calo generalizzato dei numeri della maggior parte delle PMI italiane; sforzandoci di guardare al lato positivo, però, questa emergenza potrebbe anche rappresentare l’occasione per una riorganizzazione digitale che non potrà non portare benefici nel medio periodo.

 Stiamo andando incontro ad una pausa dilatata nel tempo e ogni settore soffrirà con tempistiche e modalità differenti: l’impatto sarà presumibilmente assorbito più rapidamente da quelle aziende che sono in qualche modo già pronte e abituate a lavorare in modo agile, ma la velocità della ripresa dipende anche fortemente dai settori.
A livello di singola impresa, lo sforzo maggiore dovrà tendere alla riorganizzazione dei processi interni: le aziende che oggi si trovano obbligate a riunire un alto numero di impiegati in un’unica sede stanno scoprendo che questo modello è una possibile debolezza; è importante investire in tecnologie che permettano di mettere in contatto diverse persone da diversi luoghi con periferiche di accesso ai dati aziendali non legate ad una sede.

 Il primo aspetto sul quale ci si è concentrati per fare fronte alle nuove misure è quello del lavoro remoto, e proprio le tecnologie Cloud-based agevolano lo smart working sotto due aspetti principali: uno è quello software, ci sono ad esempio soluzioni in abbonamento che permettono anche alle realtà meno attrezzate sia di comunicare in videoconferenza che di gestire i documenti, abilitando il remote working in pochi minuti.

Il secondo è quello che per comodità chiamiamo “desktop virtuale”, ossia la possibilità per tutti gli impiegati di accedere al proprio terminale da qualsiasi device personale (pc fisso casalingo ma anche smartphone/tablet) ed è quello che stiamo vedendo mancare soprattutto nel settore pubblico: le scuole faticano nella transizione verso software e modalità di condivisione delle aule virtuali. Solo negli ultimi giorni ai dipendenti degli uffici pubblici è stata data l’autorizzazione a lavorare da remoto anche con il proprio laptop, e l’elenco potrebbe continuare.

Guardare alle soluzioni che il Cloud offre in un’ottica di medio-lungo periodo può dare alle aziende il doppio vantaggio di un risparmio di costi fissi rispetto agli uffici tradizionali e di una non interruzione delle attività continuative. Nel breve, come realtà abilitatrice di servizi stiamo sperimentando in prima persona le soluzioni che garantiscono alle imprese di preservare il più possibile l’operatività quotidiana e stiamo mettendo a disposizione a titolo gratuito alcune di quelle che permettono di fare fronte in modo più rapido all’emergenza.

Grazie al cloud è già possibile digitalizzare e sensorizzare gli spazi fisici e utilizzare App mobile per gestire l’occupazione di uffici e sale riunioni. Grazie agli algoritmi di Artificial Intelligence e Machine Learning, è possibile migliorare la produttività individuale fornendo informazioni sulle attività da chiudere, automatizzando le attività più ripetitive e a minor valore. Analytics e insight ottenuti rielaborando i dati acquisiti sui lavoratori stessi, sulle loro abitudini di lavoro, le loro competenze e aspirazioni sono poi fondamentali per assicurare una elevata qualità del lavoro nel medio e lungo termine

Esistono già all'estero casi di successo di adozione di approcci innovativi. Ad esempio, nelle ultime settimane dove sempre più è stato evocato un maggior ricorso della tecnologia all'interno delle cosiddette "zone rosse", esistono già aziende che impiegano manutentori in remoto gestiti da un coach a distanza, o tablet e visori per la realtà virtuale in grado di fornire informazioni utili in tempo reale agli addetti. Tutte soluzioni alle quali aziende di piccole dimensioni avrebbero difficoltà ad accedere da soli a causa delle economie di scala ma che le soluzioni in Cloud organizzato sul mercato sono già grado di offrire.

 


pubblicato il 31/03/2020

Immagini
Settori

Economia e finanza, Tecnologia;

iPress s.r.l. | Telefono: +39 0524 57 12 73 | Partita IVA e Codice fiscale: IT02565630346 | email: info@ipresslive.com | website: www.ipresslive.com | PEC: amministrazione@pec.ipresslive.it | Cap. Soc. €10.000,00 i.v. | REA: MI-2038021 | Cookie & Privacy Policy